Benvenuto nel sito di Mariapia

 

 

"MA COME TU RESISTI, VITA"

Einaudi Stile Libero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per paura la vita diventa un camminare sghembo. Scarto improvviso per non sfiorare il prossimo che rimane sconosciuto.

E scappare di sguardi con la paura al centro e tutto il mondo a confine. Incrociarsi in difesa senza incontrarsi.

Rinunciare al nuovo. Quiete che si cerca con affanno, a testa bassa, in un perpetuo e inconsapevole pensare a tessere fughe, da loro, da noi, da quel che potremmo avere e da quel che abbiamo.

Forse non perderemo un amore, perché non ci siamo fermati a viverlo. Forse l’unico incontro che ci raggiunge, e a cui scegliamo di non dedicarci, ci lascia graffi che fanno poco male e così scansiamo qualche ferita in questo calcare pesante il mondo. In fuga.

Serrare il pensiero senza la leggerezza curiosa degli occhi che vedono. Non sentire lo sciame dei sentimenti che ci moltiplica nelle vite di tanti. E le vite che ci toccano quel che basta per sentirle un po’ nostre. Meravigliosa umanità comune che la paura ci rende molesta e stridente.

Per paura si abbandona la battaglia buona del nostro bene. La relazione che ci fa persone, viste e riconosciute.

Si rinuncia a capire. Ci si separa. Si uccide. Ci si uccide.

Per paura si muore di paura.

Non aver paura ce lo deve dire un altro.

Insieme è nulla la paura.


 

 


 

 

 

 

C'è un nuovo articolo...

Novità

Quanto amore serve a salvare un amore?

Newsletter

Puoi iscriverti alla newsletter.